venerdì 13 gennaio 2017

Fondant alle clementine
























dicesi ricetta di recupero...clementine dimenticate in frigorifero...rinvenute mollicce ed estremo tentativo di salvarle dal bidone dell'umido...risultato? Una torta molto profumata e perfetta per la merenda del mio piccolo golosone. Ricetta presa dal libro di Sophie Dudemaine, les desserts d'hiver, da cui credo attingerò presto altre ispirazioni (Anna permettendo).

Ingredienti:

3 uova
150 g di zucchero semolato
150 g di farina autolievitante (o in aggiunta alla farina circa 1/3 di bustina di lievito)
150 gi di burro morbido (insomma, è il classico quattro quarti)
Il succo e le scorze di tre grosse clementine

Per lo sciroppo:
50 g di zucchero
Succo di tre clementine

Preparazione:

In una ciotola capiente, mescolare uova e zucchero. Poi unire farina con lievito e burro morbido. Per ultimo il succo di clementine e le scorze. Mescolare con cura e versare in una tortiera imburrata (o in uno stampo di silicone rivestito di cartaforno...che io metto principalmente per spiattare velocemente), cuocere in forno caldo a 180 gradi per 35 minuti. Nel frattempo, preparare lo sciroppo sciogliendo lo zucchero, unito al succo di clementine, in un pentolino. Appena sfornata la torta, versare lo sciroppo e spiattare solo una volta completamente raffreddata.

Note a margine: la prossima volta preparo più sciroppo! Le torta l'ha bevuto e l'avrei preferita più bagnata (nel caso, aumenterei proporzionalmente il succo di clementine perché le mie erano già molto molto dolci...)

martedì 10 gennaio 2017

Pudding al cioccolato


è arrivato il momento di ammetterlo pubblicamente...qui in casa mia si guarda solo Peppa pig, a nastro...come se non esistesse un domani. Ed è così che mi sono ritrovata a riprodurre le ricette dei dolci che prepara mamma pig...crostata di zucca, biscotti al cioccolato e, per natale, il pudding al cioccolato (della nonna pig). Mancano all'appello la torta alle fragole e la torta al cioccolato...ma arriveranno pure quelle, ne sono certa. 
Il pudding al cioccolato è un dolce di natale, ma non è come il tradizionale pudding di natale, ricco di frutta disidratata e alcool...questa è, diciamo, una versione più adatta a famiglie con bimbi. Insomma, perfetta per noi.
Ovviamente la ricetta non è descritta nelle puntate di Peppa Pig, me la sono cercata in internet e quella che mi ha convinto di più è quella di Nigella .

Ingredienti:

175 g di farina
175 g di zucchero semolato
175 g di burro
3 uova grandi (4 piccoline)
60 ml di yogurt bianco
40 g di cacao
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 cucchiaini di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Per la salsa al cioccolato (essenziale, altrimenti il dolce risulta troppo asciutto)

125 g di cioccolato fondente (io uso 70% di cacao)
125 g di cioccolato al latte
250 g di panna
75 g di golden syrup
4 cucchiaini di estratto di vaniglia

Preparazione:

Il pudding è, essenzialmente, un budino. Ci sono infatti numerose ricette che prevedono la cottura del pudding in forno a bagnomaria. Questa ricetta, invece (come quella di donna hay che avevo usato per i mini Christmas pudding di mille anni fa), prevede bollitura del dolce. L'occorrente, quindi, è una grossa pentola e un contenitore resistente al calore munito di coperchio...io ho preso proprio una bacinella per pudding (in plastica, con coperchio), ma ho visto anche soluzioni con pyrex che erano decisamente più semplici da reperire. La cosa importante è sigillare il coperchio, per evitare che entri acqua durante la cottura. Io ho usato carta alluminio e spago, anche per ricavare una specie di maniglia, in modo da poter estrarre la bacinella dalla pentola con l'acqua calda, senza ustionarmi le mani.
Detto ciò, la preparazione del dolce è veramente molto semplice. Si inseriscono in un robot da cucina farina e cacao e si danno un paio di impulsi, giusto per mixare i due ingredienti, rompendo i vari grumi. Poi si aggiungono burro morbido, uova, zucchero, estratto di vaniglia, lievito e bicarbonato di sodio e si miscela per bene. Nel frattempo, ungere il contenitore prescelto o rivestirlo di carta forno. Versare l'impasto nel contenitore (con queste dosi, io ho usato una bacinella di capacità 1,7 litri ed ero circa 4 cm sotto il bordo...poi il pudding cresce, quindi occhio ad imburrare anche il coperchio), chiudere il coperchio e sigillare. Mettere in una pentola con acqua bollente e cuocere per circa 1 ora e mezza. Terminata la cottura, estrarre il contenitore e ribaltare il pudding su un piatto da portata. Nel frattempo che si raffredda, potete preparare la salsa (che, in realtà, potete preparare in anticipo e conservare in frigorifero), semplicemente mettendo tutti gli ingredienti in un pentolino e mescolando fino ad ottenere una crema densa. Versare due o tre cucchiate generose di salsa sul dolce e tenere la restante crema a portata dei vostri commensali...è assolutamente indispensabile per completare il pudding, che rischia di risultare troppo asciutto, senza la salsa (anche a detta dei meno golosi!).




sabato 31 dicembre 2016

Ciambella di panna e mele























Vi capita mai di trovarvi alla cassa del supermercato con un bricco di panna fresca nel carrello e non sapere esattamente il perché? Beh, a me spessissimo, seppure io faccia la spesa online da ben due anni. Alla consegna, è sempre una dolce sorpresa...Le ricette in cui si può impiegare la panna sono molteplici e questa è veramente ottima (l'originale è di Martha stewart, nun se pó sbagliá); il risultato, sorprendente e delizioso. Da fare e rifare, per la colazione e le merende.

Ingredienti:

400 ml di panna fresca
3 uova
270 g di farina
180 g di zucchero
Mezza bustina di lievito chimico per dolci
1 pizzico di sale
Una o due mele (o, se preferite, le pere...insomma, potete personalizzarla come preferite) 
Mezzo cucchiaino di cannella (visto che ho messo le mele...)

Preparazione:

In una ciotola capiente, montare la panna (io ho usato la planetaria...non vorrei diventasse un soprammobile), unire le uova una per volta, attendendo di averle ben incorporate nell'impasto, prima di passare oltre. Aggiungere quindi la cannella, il pizzico di sale, la farina, lo zucchero e il lievito setacciati insieme. A questo punto, abbandonare le fruste e mescolare con un cucchiaio di legno. Versare il composto in una tortiera imburrata e aggiungere le fettine di mela, posizionandole in verticale e andando a riempire la superficie. Infornare in forno caldo a 180 gradi e cuocere per circa 40 minuti, verificando la cottura con uno stecchino.

martedì 20 dicembre 2016

Biscotti avena e frutti rossi






















pietro adora i dolci (i geni non sono acqua...) ed io, per evitare le merende confezionate, cerco di preparare sempre qualcosa di fresco e genuino, alternando le tipologie di farine e ingredienti. In questa ricerca, ho trovato questa interessante ricetta...assolutamente deliziosa e semplice! In più ho scoperto che la farina di avena è priva di glutine, sebbene non possa ancora avere il simbolo della spiga barrata per motivi legati ai luoghi di lavorazione e macina. Comunque, ogni tanto, diminuire la quantità di glutine fa bene, perciò questi biscotti mi hanno doppiamente conquistata (eppoi, non ci sono uova e burro...praticamente sono vegan, se non usate il miele...). Pietro ne ha mangiati parecchi...buongustaio! (Link alla ricetta da cui sono partita)

Ingredienti:

250 g di farina di avena
70 g di zucchero (io ho usato quello di canna)
2 cucchiai abbondanti di golden syrup (o miele o sciroppo d'acero)
1/2 bustina di lievito
3 cucchiai di olio evo (belli abbondanti)
Frutti rossi disidratati (ammollati in acqua calda o in liquore tipo amaretto di Saronno)
Una manciata di fiocchi d'avena

Preparazione:

In una ciotola capiente, mettere farina, zucchero e olio e impastare velocemente con le mani. Nel frattempo, scaldare in un pentolino il golden syrup con il lievito e versare il composto nella ciotola, lavorando tutti gli ingredienti. Aggiungere i frutti rossi, eventualmente un goccio di acqua per aggiustare la consistenza e una manciata di fiocchi di avena. Mettere a riposare per una decina di minuti in frigorifero. Nel frattempo slcadare il forno a 180 gradi, poi prelevare delle palline di impasto dalla ciotola, schiacciarle con una forchetta sulla placca del forno rivestita di cartaforno. Cuocere per 12-14 minuti. Sfornare e lasciare raffreddare.

Buona merenda!